pc-facile
Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti




Safety Check by Facebook, per rassicurare i propri cari in caso di disastro

ale 17/10/14 @ 05:00  

Safety Check by Facebook, per rassicurare i propri cari in caso di disastro

Si chiama "Sto bene" il nuovo tasto che Facebook ha pensato di implementare per permettere alle vittime di catastrofi di far sapere ai propri cari di essere sopravissuti.

L'idea è nata come ulteriore strumento oltre alla classica chiamata, dopo lo Tsunami del 2011 in Giappone: certo forse sarà difficile in fondo ad un dirupo pensare di collegarsi per postare il proprio stato (sempre che ci sia rete...) ma il team di Facebook pensa che questa opzione avrà invece presto un positivo riscontro. Si chiama Safety Check ed è uno strumento che permetterà, previa compilazione di un modulo, di attivare una notifica capace di individuare la posizione dell'utente chiedendogli in quali condizioni si trovi.

Per Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, è "il nostro modo di dare una mano": Safety Check approfitta delle capacità di geolocalizzarsi dei più moderni smartphone proponendo due opzioni, confermare di stare bene e verificare che i propri conoscenti in zona siano a loro volta sani e salvi, decidendo con chi condividere tali informazioni.

L'applicazione non è ancora disponibile ma lo sarà presto dapprima per iOS, Android e la versione desktop.



News correlate:

[17/06/14] Facebook: le emozioni si contagiano
[29/04/14] Un selfie mortale: posta la foto su Facebook e si schianta con l'auto
[05/01/13] Facebook Messenger sfida Skype
[05/09/12] Crolla il titolo Facebook: Mark Zuckerberg promette di non vendere
[03/09/12] Facebook, guerra ai falsi "Mi piace"
I commenti dei lettori:

Eduardo [27/10/14 @ 10:24]
Sperare che dopo un disastro: alluvione, terremoto, tsunami, ed altre amenità del genere, la rete funzioni ancora e ci sia campo; è quanto meno ottimistico, perfino i sistemi militari, basati a terra, è ovvio, vanno in tilt, l'infrastruttura più delicata, in caso di disastro, è proprio quella della distribuzione elettrica, rimangono solo le reti satellitari. A cui però pochi hanno accesso direttamente.Per cui lo vedo come uno dei soliti gadget pubblicitari per "vendere" un prodotto, simile a tutti quelli che oggi mettono sull'automobile.

Fabio [01/11/14 @ 16:23]
@Eduardo
In realtà la gran parte (o tutte?) le stazioni radiobase sono dotate di sistemi ups a batteria che forniscono una certa autonomia.

Commenta questa news

Nome:

Commento:

Conferma visiva:


Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti



Ho perso la password


Glossario | Blog | Cerca
© 2000-2018 pc-facile.com