pc-facile
Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti




Gb, cerca di vendere figlio via Internet a coppie, arrestata

ale 22/05/04 @ 18:00  

Una donna britannica che ha ammesso di aver provato a vendere il suo futuro figlio via Internet a tre diverse coppie desiderose di un bambino è stata condannata oggi a due anni di prigione.

Moira Greenslade, 33 anni, ha confessato di aver ingannato tre famiglie senza bambini per un totale di 2.500 sterline (4.166 euro circa) dopo aver promesso che avrebbe consegnato il suo bambino a ognuna di loro.

"Le persone alla ricerca disperata di un bambino erano state sfruttate e un bambino innocente, che non aveva possibilità di scelta, è stato tratta come poco più di una merce, solo per ragioni finanziarie", ha detto l'ispettore capo Mick Hopwood.

"Ecco perché è stata imposta una condanna in carcere".

Greenslade aveva pubblicato tre inserzioni su un sito web Usa Surromomsonline a partire da gennaio 2003 pubblicizzando i suoi servizi come "madre surrogata".


Fonte: www.mytech.it



News correlate:

[01/03/13] Bambini cercano risposte su Internet invece che dai nonni
[13/10/09] I bambini e la Rete (o i genitori e la Rete)
[02/05/09] Internet e la vendita di prodotti alimentari: al via i controlli
[25/09/07] In Europa la vacanza si cerca online
[11/09/07] Importava caimani via Internet, giapponese arrestato

Commenta questa news

Nome:

Commento:

Conferma visiva:


Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti



Ho perso la password


Glossario | Blog | Cerca
© 2000-2017 pc-facile.com